Tassa rifiuti, si risparmierà il 13%

Grazie al contenimento della spesa con il sistema del porta a porta
di Paola MaurowLATISANAPassa il bilancio di previsione in consiglio comunale, con una stima di contenimento della spesa per lo smaltimento dei rifiuti quantificata in circa 200 mila euro rispetto al 2017. Meno costi che si traducono in un contenimento della tariffa a carico dei cittadini pari al 13%. Un contenimento della spesa legato all'entrata in funzione del servizio porta a porta settimane per la raccolta dei rifiuti indifferenziati: per la tassa sui rifiuti - ha detto in aula giovedì sera l'assessore al bilancio, Emanuela De Marchi - per il 2018 è previsto un gettito di oltre 1 milione e 278 mila euro, cifra simile per il 2019 e per il 2020, con una netta diminuzione rispetto all'accertato del 2017. E nel 2018 - ha anticipato l'assessore Emanuela De Marchi - prosegue l'azione di recupero per l'evasione del 2016, per un importo di circa 30 mila euro. Tutto ciò consente di applicare all'utenza una tariffa ridotta di circa un 13% compensando gli aumenti deliberati dalla Net, gestore del servizio di raccolta dei rifiuti, per l'anno in corso e un potenziamento nel numero di cassonetti per il conferimento del verde presenti nel territorio. «La nuova strategia di raccolta indifferenziata, che da ottobre dell'anno scorso è passata al porta a porta, eliminando i vecchi cassonetti stradali, ha portato a una maggiore cura nella separazione dei rifiuti da parte dei cittadini, con un aumento della differenziazione del 30% circa - commenta la vicenda anche il consigliere con delega all'ambiente, Filiberto Fantin - importanti obiettivi raggiunti a tutele dell'ambiente ai quali si affianca un nuovo sistema di disinfestazione da zanzare che sperimenteremo nel corso dell'anno, utilizzando prodotti biologici ed eco sostenibili». ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Messaggero Veneto del 24/03/2018
Pagina 45, Edizione Udine