Raccolta differenziata: il “compost” si fa a scuola

l’iniziativa
Dai rifiuti della mensa scolastica al “compost”, così da sensibilizzare i più giovani alla riduzione degli sprechi alimentari e alla gestione dei rifiuti. È stato firmato a Udine un accordo sperimentale per il posizionamento di compostiere in due scuole del capoluogo friulano, la secondaria di primo grado “Valussi” e la scuola primaria “D’Orlandi”. L’accordo è stato sottoscritto tra il Comune di Udine, di concerto tra gli assessorati all’Educazione e all’Ambiente, la Net, la partecipata di palazzo d’Aronco per la gestione dei rifiuti, l’associazione Animaimpresa e la società di ristorazione Camst e prevede l’installazione di compostiere a uso didattico, nell’ambito di un’iniziativa promossa dalla Regione. «Il Comune - spiega l’assessore all’Ambiente, Enrico Pizza - ha convintamente abbracciato quest’iniziativa che si propone di rinsaldare, tra i più piccoli, i principi del consumo sostenibile, dell’importanza del riciclo, nonché di promuovere le buone pratiche di riduzione e prevenzione della produzione dei rifiuti. Sotto la guida degli insegnanti e degli esperti del servizio Verde Pubblico - prosegue -, i bambini assisteranno alle fasi cruciali dell’intero processo, dall’immissione in compostiera fino allo spargimento del compost nell’orto didattico o nelle aiuole della scuola». Provviste di servizio mensa e di aree verdi, le due scuole cittadine potranno così installare le unità di compostaggio, messe a disposizione gratuitamente dalla Net. «Con la collaborazione degli insegnanti e del personale Camst - chiarisce l’assessore all’Educazione, Sport e stili di vita, Raffaella Basana -, i ragazzi saranno chiamati a trattare gli scarti di cibo sul piatto con attenzione, in modo da rendere possibile a monte le operazioni del processo di compostaggio, responsabilizzandoli così sul loro ruolo di piccoli consumatori. L’iter didattico - conclude - li porterà, poi, ad approfondire i meccanismi biologici sottostanti la formazione del compost organico».

Messaggero Veneto del 04/03/2015
Pagina 25, Edizione nazionale