HomePage


AMBIENTE All’inizio della prossima settimana la riunione. Già firmato l’atto notarile
Fusione Net-Csr, assemblea per il nuovo Cda

Giovedì 25 Agosto 2011,
UDINE - La fusione fra Net spa e Csr Bassa friulana avrà efficacia dal prossimo 1. settembre. E, come avevamo anticipato, la nuova realtà - almeno inizialmente - si chiamerà Net spa, conservando così il nome nato da una felice intuizione dell’ex sindaco Sergio Cecotti (cui era piaciuto quel termine dal doppio significato, in inglese e friulano), anche se, «in futuro - come si legge in una nota del Csr - dovrebbe chiamarsi Friulambiente». L’ultimo passaggio, prima di quella scadenza, è rappresentato dalla nomina del nuovo Cda. Dopo la firma dell’atto notarile (annunciata ieri in una nota, ma avvenuta qualche tempo prima) che ha tenuto a battesimo ufficialmente la nuova spa, bisogna individuare il consiglio di amministrazione che guiderà la società (attualmente, il Csr è presieduto da Elio Di Giusto, mentre la Net è guidata da Massimo Fuccaro). All’inizio della prossima settimana (probabilmente già il 29 agosto) si riunirà l’assemblea, che avrà proprio questo obiettivo.
      La nuova società post-fusione comprende 45 comuni, con un bacino di 280mila abitanti. Il capitale sociale della nuova Net spa raggiunge i 9,776 milioni di euro mentre il patrimonio complessivo sfiora i 30 milioni. L’operazione di fusione, come hanno spiegato ad una voce Fuccaro e Di Giusto, «permetterà di sfruttare sinergie ed economie di scala e di scopo, migliorando l’efficienza del servizio, potenziando le attuali infrastrutture e costruendo nuovi impianti», anche con l’obiettivo di "limare" le tariffe a carico dei cittadini. Il sindaco Honsell ricorda che fra i punti del suo programma elettorale c’era anche il gestore unico e che questo è un passo nodale in quella direzione.
      Cdm