Tariffe ridotte anche nel 2016

 In occasione dell'assemblea del 22 dicembre per la nomina del nuovo consigliere della NET SpA, il comitato di controllo analogo ha riportato una sintesi delle tariffe 2016 e dell’andamento della società.

Risparmiano i Comuni
Anche quest’anno la gestione dell’azienda ha conseguito eccellenti risultati; evidenziati anche da riscontri registrati sul conto economico e sullo stato patrimoniale della NET Spa, sono stati raggiunti in un contesto difficile, di crisi generale del mercato. Il riconoscimento da parte dei soci, dei cittadini e degli altri operatori del settore dell'eccellente qualità del servizio e le tariffe fra le più basse d’Italia hanno consentito di ampliare il bacino utenza che ora ha soci e clienti anche fuori provincia. Anche per il 2016 è in grado di proporre una riduzione delle stesse, oltre che una rideterminazione verso il basso delle tariffe 2015. Nel 2015 le tariffe dei rifiuti indifferenziati trattati nell'impianto udinese di via Gonars sono state ridotte da 134 a 130 euro a tonnellata. Per quelli ingombranti il risparmio cresce a 10 euro a tonnellata (da 250 a 240), con un ristorno per i comuni conferito di Net Spa pari a 250mila euro. E il budget 2016 prevede anche di meglio, poiché i prezzi saranno rideterminati in base agli ottimi risultati conseguiti finora.

Gli investimenti
La NET nell’arco di una decina di anni è passata da un unico cliente/socio, il Comune di Udine, alla gestione di 87 comuni, per un equivalente di circa 350.000 abitanti, coprendo un territorio ormai regionale. Gestisce due stabilimenti: Udine, dove è iniziato l’iter per la realizzazione in project financing di un impianto di compostaggio di ultima generazione, e San Giorgio, in fase di rewamping, il cui avvio è previsto nell'aprile 2016. "Nel 2016, per la gestione corrente faremo investimenti sui mezzi per 3 milioni e mezzo di euro - annuncia il direttore Fuccaro - e sui cassonetti per 500mila euro. E' inoltre partito l'iter procedurale per la gestione dell'impianto di trattamento del materiale organico di via Gonars". Il progetto, esteso su 3 anni, avrà un costo finale di 30 milioni di euro. L’impianto di compostaggio produrrà, oltre a compost di qualità, energia elettrica, biogas, biometano e biocarb.

Tariffe tra le più basse d'Italia
L’azienda, focalizzata sul miglioramento dell’efficienza dei processi, ha aumentato la qualità del sevizio conseguendo rilevanti risultati sul fronte del contenimento delle spese generali. Negli ultimi anni i cittadini serviti dalla NET già beneficiano di un costante abbassamento delle tariffe; è stato ricordato durante le riunione l'ottimo piazzamento nella classifica delle città con la bolletta sui rifiuti più leggera (Udine è la terza città più economica di Italia). Durante l'assemblea del 22 dicembre è stato nominato un nuovo consigliere, Alessandra Stella.

Per accedere a tutti i servizi